Cavalcata galeotta (10° anniversario)

Dicembre 2011

Fabio e Paolo, non ancora Icefoot e Bussola, si conoscono da tanti anni.

Baluardi difensivi nei campetti periferici di pallone, attaccanti di razza nella pratica della corsa e della mountain bike.

Il Carso è il terreno ideale per entrambe queste ultime discipline; attraversarlo totalmente lungo la linea di confine, da est a ovest, da Pese a Jamiano, è divenuto un rito classico che vede cimentarsi assieme ciclisti e podisti la prima domenica di dicembre di ogni anno.

La Cavalcata Carsica lungo il sentiero 3 del CAI è una gara/non gara in autosufficienza, che mette in sfida soprattutto con sé stessi, che si svolge con qualsiasi condizione meteorologica, che non necessità di alcuna iscrizione.

Passione, allenamento, conoscenza del territorio sono doti indispensabili.

Le settimane precedenti nulla venne lasciato al caso…

Approccio tattico al problema

Fabio e Fabrizio, non ancora Prof, si conoscono dai tempi della scuola superiore. Pur avendo la medesima passione per le ruote grasse fin dagli albori nel nostro territorio (fine anni ‘80), le loro strade si erano finora raramente incrociate.

Rocciatore, escursionista, ciclista, anche il Prof vuole aggiungere il tassello della Cavalcata nella sua variegata carriera sportiva. L’attesa della partenza (e del Bussola) diventa occasione per scambiare due chiacchierare, parlare di amici e passioni comuni, promettersi il solito “non perdiamoci di vista… teniamoci in contatto…”.

Il 4 dicembre di quell’anno era una giornata umida ma per niente fredda. Il terreno era in perfette condizioni per essere solcato dalle preistoriche ventisei pollici. Come da tradizione la partenza dei podisti era fissata per le 7.30, mezzora dopo sarebbe toccato al gruppo di ciclisti.

I Pilastri (fonte www.atleticats.com)
I forti

Quando mancano pochi minuti alle 8:00, il Prof sgomita in avanti per accaparrarsi le posizioni migliori. Più defilati in fondo al gruppo stazionano Bussola ed Icefoot.

P…come Puffo
Prima foto documentata del Blu (rarità)
Il foot è già ice

Un incontro casuale diventa così inconsapevole base per la costruzione di un sodalizio che sarà destinato a consolidarsi e durare a lungo nel tempo. In un conteso dove solo all’inizio capita di pedalare o correre a fianco di altri concorrenti, la prima parte della “gara” vede da una parte la coppia procedere per la propria strada e il singolo per la sua.

Cornetti
Posizione in sella inconfondibile
Schwalbe Fat Albert Front 26″

Poi in chissà quale punto della landa carsica il duo diventa trio, Bussola e Prof fanno la loro prima conoscenza. I due si annusano, si scrutano, si studiano, si piacciono.  La chimica è buona, c’è feeling nell’aria, il futuro darà conferma.

Passare sul Cocusso, Monte dei Pini, Monte Orsario, lambire il Lanaro, il San Leonardo, salire sull’Ermada, diventa un prologo che tocca punti salienti della futura storia di un nuovo gruppo triestino di mtbikers.

Per una volta la frase di circostanza in partenza, “teniamoci in contatto”, non rimarrà tale.

Il Prof ha un collega appassionato di bici, un tale Giancarlo, non ancora Medioman.

Medioman ha un vecchio amico appassionato di bici, un tale Andrea, non ancora Cinci.

Icefoot ha un nuovo amico appassionato di bici, un tale Giorgio, non ancora Diesel.

Nei mesi e negli anni successivi quel terzetto sul “3” diverrà un affiatato sestetto, base fondante e zoccolo duro di un gruppo, i MIB, che il passare degli anni non ha mai scalfitto nella voglia di divertirsi e stare insieme.

The Originals

Tornando a quella domenica di dicembre del 2011, l’arrivo a Jamiano segnò la fine di una giornata avventurosa ed entusiasmante, dura ed emozionante. E segnò l’inizio di dieci anni di scorribande su due ruote sempre alla ricerca di nuovi stimoli e belle sensazioni.

Quasi matrimonio
Oggi mi sento uno zoccolo duro
Dai, manca poco all’inizio di tutto!!!

Novembre 2021

E per celebrare al meglio la prima decade, Icefoot, non più Fabio, si allena in compagnia su un sentiero cazzuto…

13 lettere, inizia per T, finisce per G

Il Flysh è il terreno ideale dove fratturarsi due costole.

Passione, allenamento, conoscenza del territorio non sono per lui doti sufficienti per presentarsi il 5 dicembre 2021, a Pese, alle 7:30 di mattina.

Dicembre 2021

Bussola, Prof e Cinci (non più Paolo, Fabrizio e Andrea) vogliono invece sfidare soprattutto sé stessi, con qualsiasi condizione meteorologica.

Non panza, ma marsupio

La giornata è umida, bagnata e fredda. Il terreno è in pessime condizioni per essere solcato dalle consolidate ventinove pollici.

WaterProf (c) – Sembrava un’idea geniale

Il Prof, fedele al suo spirito pitagorico, si attrezza con Domopack e ruote da 26″.

Con tali condizioni meteo, alla linea di partenza sono presenti solo una ventina di indomiti.

Quando mancano pochi minuti alle 8:00, il trio retrocede per accaparrarsi l’ultima posizione.

E’ ben noto che tutto il percorso sarà controllato a distanza “dai famigliari”.

Cacciatori di emozioni

L’ultima posizione non è un caso…

Debolezza senza controllo

Il trio, anche se con lunga conoscenza, sul difficile sentiero si annusa, si scruta, si studia, si piace. La chimica è buona, c’è feeling nell’aria… il sentiero “3” è difficile da non amare.

Raccolta immondizia

Icefoot e Medioman, non più Giancarlo, pensano anche ai ristori. Diesel, non più Giorgio, ci pensa dalla crociera forzata.

Alla tua salute, Diesel!

Per i “vecchi” serve rispetto. E lo troviamo nella clemenza del tempo. Le pessime previsioni sbagliano anche questa volta, regalando a chi ha osato chilometri e chilometri di sburtan-bike e pedalate nel solo fango.

Schwalbe Fat Albert Front 26″ (10 anni dopo)
Cavalli di razza

Ma l’imprevisto è dietro l’angolo, anzi, dietro un drop. Il colpo sordo sembra quello di un pedale che impatta, ma le bestemmie incredule del Cinci non lasciano dubbi. Mai fidarsi del carbonio…

Per Natale siamo a posto

Pur meritandolo, il terzo incomodo deve lasciare l’arrivo ai due veri testimoni di questo anniversario. Quando Jamiano si avvicina…

Non ricordo cosa trovo dietro al fungo rosso

…il suggello spazio-temporale collega passato e presente.

Ora come allora

E’ giusto che, dopo tanta fatica, si arrivi comunque all’arrivo tutti insieme.

La forza del gruppo
Dai, manca poco al 10° anno!!!!

Anniversario

L’arrivo a Jamiano segna la fine di una giornata e di una decade avventurosa ed entusiasmante, dura ed emozionante…

Bussola
Cinci
Prof

Lo zoccolo duro, con il passare degli anni, non ha mai scalfitto la voglia di divertirsi e stare insieme.

Icefoot, lo zoccolo duro
Medioman
Diesel
La crostata più buona del mondo

Tornando a quella domenica di dicembre del 2011, si può dire che il “non perdiamoci di vista” è stato mantenuto.

Ora che la presbiopia ha preso il sopravvento, in coro urliamo “non perdiamo il morbin!“.


Total distance: 52.79 km
Max elevation: 650 m
Total climbing: 1498 m
Total time: 07:39:30
Download file: 2021-12-05 Cavalcata-anniversario.gpx

Tutte le foto di questa uscita le trovate nel nostro album su Google Foto

.


Autori

Icefoot & Prof

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.