M’Illegio d’immenso

Ma come ho fatto a vivere senza Illegio?

Il giro di oggi si riassume in questa sorpresona… il fare una curva e rimanere fulminati da un pianoro fluorescente, scoprire la fonte Touf e i mulini secolari, lustrarsi le pupille dinnanzi meravigliose case con corti e scoprire chi è don Alessio Geretti.

Chi è don Alessio Geretti? E’ chi negli anni ha reso Illegio il gioiello culturale dove Uffizi, Musei Vaticani e Louvre mandano a respirare sana aria di montagna i Tintoretto, Anton Van Dyck, Claude Monet e Pablo Picasso.

Una villegiana mi parla a mitraglia in una lingua sconosciuta… bastano pochi minuti per conoscere anche la cameriera rumena, i turisti abituali, il vecchio riservato e la curatrice culturale. E sono solo le 10.00…


Inforco la bici alle 8.13 da Carnia col pilota automatico. Conosco la strada… anzi, no.

Mi ritrovo sul ponte abbandonato che abbandonato più non è. Anzi, è vivo, vegeto e in controcorrente.

Meglio guardare la traccia per evitare brutte sorprese. A qualcuno, è già andata male…

La pista ciclabile FVG 8 mi accompagna verso Amaro e mi dirotta verso…

Prima di entrare in Tolmezzo, dévio per il conoide di deiezione dei Rivoli bianchi.

Il geosito è sulla destra, ma è sulla sinistra che si posano i miei occhi, per le due ferrate che Icefoot mi porterà a fare.

E’ dopo una curva che avviene il miracolo…

Il giro prevede dislivelli per saltare da valle in valle. La mia mèta è ora la Val d’Incaroio fino a Paularo.

Devo a malincuore rinunciare alla Cascata di Salino e a Dierico perchè sono in ritardo sulla tabella di marcia… E’ già ora di pranzo e non sono a metà dell’opera.

Le tagliatelle con sugo di cervo sono i miei spinaci per l’assolata e ripida salita verso Ligosullo. Al bivio, decido di riservare il Castello Valdajer a quando ritornerò per una tre-giorni (questa, infatti, è una esplorazione…).

Allo spartiacque con la Val Pontaiba, mi stupisco della creatività delle tappe friulane del Giro…

Inizia la lunga discesa verso Gemona. Attraverso Paluzza, Sutrio, e da Arta Terme riprendo la FVG 8 verso Zuglio, Lorenzaso, Casanova e Tolmezzo.

Rimango a bocca aperta di come Tolmezzo sia attraversabile in totale sicurezza con questa ciclabile “invisibile” ma efficente (nel frattempo divenuta FVG 6).

Raggiungo Cavazzo Carnico ed i suoi canali e punto con entusiasmo verso la Pieve di Santo Stefano di Cesclans. Ma la strada è chiusa per lavori e quindi mi conforto alla ricerca del misterioso “pesce rosso”.

Dall’altro osservo il lago di Cavazzo. Scendo verso il ponte romano di Somplago. Archeologia e tecnologia sono a un tiro di schioppo…

In mezzo, il Villaggio Enel con baite in legno (?!?!?). E’ una delle stranezze di questo posto…. e non è la sola!

Alla stazione di Gemona, verifico gli orari. Ho 1 minuto per non perdere il treno.

Ma oggi è una giornata fortunata.


Total distance: 97.94 km
Max elevation: 1117 m
Total climbing: 1638 m
Total time: 09:12:58
Download file: 2021-05-28_Illegio.gpx

Tutte le foto di questa uscita le trovate nel nostro album su Google Foto

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.