Traccia del Macellaio

23 febbraio 2013

Alla fine siamo in due: Io e GPS….Forfait di ICEFOOT e DIESEL per impegni familiari, MEDIOMAN in riposo forzato rigeneratore.

Idee confuse, ma GPS si accoda a malincuore. L’idea di andare fino a Tinjan viene però abbandonata già lungo la ciclabile…
Per evitare la neve ed il “ploch”, si decide di rimanere bassi….al ponte fine asfalto della ciclabile, attacchiamo il primo sentiero (cascatelle ovest) e poi in esplorazione tra vari incroci. A Borgo San Sergio le bici sono due statue di fango….come volevasi dimostrare.
Salita a Caresana per fare il bellissimo Bosco Tre Confini (CAI 1 lungo costa verso Dolina). Paesaggio da favola, sentiero innevato e le valli incise di 4 impluvi lasciano senza fiato per la bellezza. Sembra di essere in alta montagna. Deciso che lì si dovranno girare dei video…
Da San Dorligo nuova salita su bitume fino a Prebenico, e discesa lungo il CAI Sloveno bianco-blu fino alla fontana di Dolina.
Il divertimento era alto, così si è deciso di seguire la traccia che io chiamo “Del Macellaio”, in onore a Edi (che di professione fa il ……..) che l’ha insegnata ad alcuni di noi. Traccia tecnica fino ai Salmoni dell’Antro di Bagnoli. GPS rimane incollato fino all’ Imbuto finale, solco in flisch dal grande effetto.
Rientro calmo lungo la ciclabile.
Totale 3 ore, 1 foratura, 1 ciclista da street che girava solo nel parcheggio del cimitero di Dolina, 1 solo ciclista in ciclabile.

Distanza totale: 32.77 km
Altitudine massima: 252 m
Totale salita: 1067 m
Tempo totale: 03:01:49
Scarica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.